Cari Soci,

è con grande dispiacere che vi comunichiamo la scomparsa del Professor Giorgio Morpurgo, già Professore ordinario di Genetica presso l’Università di Perugia.  Il Prof. Morpurgo è stato uno dei soci fondatori dell’AGI. E’ stato molto attivo nel campo della genetica evoluzionistica e di popolazioni, non trascurando di affrontare anche aspetti propri della mutagenesi. Per quelli di noi che lo hanno conosciuto e frequentato negli anni in cui ha dato importanti contributi alla crescita della Genetica in Italia, rimane il ricordo di uno scienziato e di un docente appassionato e originale. Particolarmente significativa in questo senso la sua presenza a numerose edizioni delle Summer School organizzate dall’AGI a Cortona. In queste occasioni animava lezioni e discussioni in modo stimolante e spesso “trasgressivo”. Ha senza dubbio contribuito alla formazione di molti genetisti italiani e l’AGI lo ricorda con stima ed affetto. 

Cordoglio per il Professor Giorgio Morpurgo

3 pensieri su “Cordoglio per il Professor Giorgio Morpurgo

  • Lucio Luzzatto
    1 Settembre 2021 alle 18:21
    Permalink

    Giorgio Morpurgo era un colto genetista, un vero biologo ed un pensatore originale. Negli anni ’80 ho avuto la fortuna di partecipare con lui e con Guido Modiano, nella regione del Terai (Nepal), ad un lavoro di genetica popolazionistica: fu un’esperienza indimenticabile anche per quanto ho imparato da Giorgio (fu il primo caso nel quale si dimostrò in una popolazione, i Tharu, la quasi-fissazione di un gene α-talassemico, in uno studio a cui partecipò attivamente anche Luciano Terrenato, che pure ci ha recentemente lasciato). Da Giorgio Morpurgo generazioni di studenti hanno avuto il beneficio di un insegnamento, che sempre lasciava appunto il segno. L’AGI può andare giustamente fiera di averlo avuto tra i suoi fondatori a fautori, e certo lo ricorderà degnamente.
    Lucio Luzzatto

  • Sergio Pimpinelli
    2 Settembre 2021 alle 14:36
    Permalink

    Apprendo questa brutta notizia con grande dispiacere. Potrei scrivere pagine di aneddoti su Giorgio, sulla sua personalità e sulla sua statura scientifica. Ricordo le piacevoli chiacchierate su temi affascinanti come l’evoluzione, la mutagenesi e sui viaggi come quello in Nepal insieme a Guido Modiano. Per uno come me, e non solo, la scomparsa di Giorgio rappresenta la scomparsa di uno degli ultimi autorevoli testimoni del periodo “romantico” della genetica classica.
    Condoglianze a tutta la sua famiglia.
    Sergio Pimpinelli

  • Alessandro Achilli
    3 Settembre 2021 alle 16:19
    Permalink

    Ho conosciuto Giorgio quando ero uno studente dell’Università di Perugia. Ho avuto il piacere e l’onore di studiare insieme a lui e Nora la mutagenesi del lievito, discutere nuovi modelli sperimentali e festeggiare i risultati sempre con un buon vino, rigorosamente bevuto in contenitori di vetro, fossero anche becher!
    Giorgio era uno scienziato curioso e assolutamente geniale e con lui si poteva parlare di qualunque argomento di genetica (e non solo). Che bello quando parlava di scienza…col suo stile unico. Ci mancherà, abbiamo perso un mentore, un comunicatore, una fonte di ispirazione per tanti genetisti, me incluso.
    Alessandro Achilli

Lascia un commento